Avvoltoi del Vecchio Mondo


Gyps Fulvus. Ph. Saxifraga-Bart Vastenhouw

Il grifone di cui vi parlo oggi si rifà alla figura mitologica dell’antica Grecia. Non si tratta di una creatura alata con il corpo per metà di aquila e per metà di leone ma di un maestoso avvoltoio dalle dimensioni non trascurabili, con becco e artigli adunchi (da qui deriva probabilmente il nome “grifo-”) e, come il grifone leggendario, molto difficile da avvistare in natura. Il grifone (Gyps fulvus) sfiora l’apertura alare di 3 metri e un peso che raggiunge ben 10 chilogrammi; attualmente si trova nelle liste rosse italiane dell’ IUCN (un'approfondimento nel primo articolo: una nuova Via...) come specie a rischio di estinzione con “pericolo critico”. Per millenni il grifone ha popolato i cieli europei e ha convissuto con l’uomo, nutrendosi dei suoi scarti e del bestiame morto lasciato nei pascoli. Un servizio però non molto apprezzato, tanto che in moltissimi paesi europei è stato dichiarato estinto già da secoli, come di fatto molti altri suoi cugini avvoltoi.

Chi può essere considerato il vero avvoltoio, l’uomo o l’animale?

Avvelenamento di massa. www.4vultures.org

Secoli di esche avvelenate e abbattimenti diretti, allo scopo di eliminare un animale ritenuto dannoso per l’uomo (lo stesso uomo che si è da sempre reputato unico padrone della terra e ha invece usato il termine “avvoltoio” per indicare “avidità”) hanno portato a risultati amari per il grifone. Chi può essere considerato il vero avvoltoio, l’uomo o l’animale? Anche senza considerare le uccisioni dirette e volontarie ai danni di questo animale la sua vita nel mondo civilizzato è tutt'altro che facile, prima di tutto per la carenza di alimenti: come tutti gli avvoltoi è un animale-spazzino che non preda attivamente ma si nutre di carcasse rinvenute sul territorio, siano esse resti di animali allevati o selvatici, una materia prima molto rara nel mondo moderno, sempre più sterile e pulito. Non da meno sono gli avvelenamenti indiretti, perché se da un lato la carenza di cibo mette a rischio la sopravvivenza di questa specie, dall’altro le prede disponibili possono anche risultare letali! Nutrendosi di animali morti potrebbe facilmente imbattersi in carcasse di ratti avvelenati, o in bestiame imbottito di farmaci in concentrazioni per lui letali, o ancora in selvaggina abbattuta con le classiche munizioni al piombo, un elemento estremamente tossico.

In Italia era considerato estinto ovunque tranne che in Sardegna...

Grifoni. Ph. Saxifraga-Mark Zekhuis

In Italia era considerato estinto ovunque tranne che in Sardegna, le popolazioni appenniniche erano già scomparse nel 1700 mentre gli ultimi esemplari presenti in Sicilia e sulle Alpi sono stati uccisi durante il ‘900. Per fortuna già da alcuni anni sono attivi programmi di reintroduzione del grifone in alcuni territori in cui era storicamente presente e i dati appaiono - anche se timidamente - positivi, anche grazie ad accorgimenti come il divieto di cacciare con munizioni al piombo, la messa in opera di dissuasori sulle linee elettriche e l’utilizzo di medicinali non tossici negli allevamenti al pascolo. In particolare buoni risultati sono stati ottenuti nel parco regionale Sirente-Velino (Abruzzo), nel parco dei Nebrodi (Sicilia) e in alcuni settori alpini. Proprio durante un’escursione nel parco Sirente-Velino ho avuto il piacere di vederne sette volteggiare su un picco roccioso, spero non in attesa di un mio passo falso.



Grifone. Ph. Stefan Krause

32 visualizzazioni

Notizie

Iscriviti alla newsletter

(circa 2 mail al mese)

Contatti

viamaestratrekking@gmail.com

(+39) 340 547 71 89

(+39) 393 059 69 02

Seguici

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
Via Maestra a.s.d. via rio di Luco 189 Reggello, FI 50066

© 2019 by Francesco Lezzi.