• Claudia

(2) COSA METTO NELLO ZAINO DA TREKKING?

Aggiornato il: giu 2

(2 di 2: equipaggiamento utile)



Cosa mettere nello zaino da trekking


Dopo aver imparato cosa non può mai mancare in uno zaino da trekking per partecipare ad un’escursione di Via Maestra, sono in arrivo altri quattro immancabili protagonisti delle nostre avventure outdoor:


si tratta di oggetti che probabilmente non userai tutti i giorni, anzi probabilmente dimenticherai di aver messo nello zaino fino al momento in cui non torneranno utili, ma ti assicuro che verranno in tuo soccorso in più di un’occasione.

Ricorda sempre che queste guide sono state pensate per riempire uno zaino per un trekking organizzato da una guida, e a cui magari partecipano altri amici… se cammini da sola sarà necessaria anche altra attrezzatura.


Ripassiamo molto velocemente la lista dell’equipaggiamento assolutamente necessario da infilare nello zaino:

  • Acqua

  • Cibo

  • Mantellina impermeabile

  • Protezione solare

  • Felpa o pile e medicinali personali.


E poi spostiamoci nel vivo della questione con la seconda parte della guida alla preparazione dello zaino.



COLTELLINO

"Senza esagerare con le dimensioni"

È quasi inutile elencare tutti i possibili utilizzi di un coltello, contando che esistono delle più svariate forme e con i più disparati utensili, e naturalmente anche il loro prezzo varia molto in base al modello che sceglierai: dato che questa non è una guida orientata alla scelta del “migliore” per adesso basta che nel tuo zaino ci sia un coltellino (senza esagerare con le dimensioni).




I “coltellini svizzeri”, di sicuro i più famosi, hanno il pregio di essere accessoriati con piccoli attrezzi, come le pinzette e le forbicine, che possono far comodo in più occasioni; tuttavia nulla di tutto questo è indispensabile.



CALZINI DI RICAMBIO


Un paio di calzini di ricambio non solo sono facili e leggeri da trasportare, ma sono anche estremamente utili nell’eventualità in cui quelli che indossi dovessero bagnarsi. Sia in estate che in inverno, per esempio su terreno innevato, può facilmente capitare di ritrovarsi i piedi mezzi (bagnati, per i non toscani) proprio durante una splendida passeggiata e a quel punto l’unica soluzione per evitare problemi e fastidi è il cambio!



NASTRO ADESIVO TELATO “AMERICANO”

Il cosiddetto “Duct Tape” che sicuramente avrai visto in qualche film, come Mac Gyver insegna, usato nei modi e nei tempi più fantasiosi.

Ti dico subito che probabilmente non lo userai per resistere ad un’apocalisse zombie, ma trattandosi di un nastro particolarmente resistente, anti-taglio, e tipicamente impermeabile, la sua utilità è cruciale sia per le riparazioni dell’ultimo minuto (su tessuti strappati, per esempio, o per le suole), sia come cerotto/cuscinetto di fortuna per evitare le dolorosissime vesciche ai piedi.

E certo, se ne avanza un po’ potresti usarlo anche contro gli zombie (mai dire mai).



ACCENDINO o FIAMMIFERI E CARTA IGIENICA


Non serve spiegare la loro funzione né la modalità d’uso, ma un consiglio spassionato è quello di averne sempre un accendino, magari anti-vento, e qualche foglio di carta igienica nello zaino, perché non si può mai sapere quando la chiamata della natura arriverà… ma in quel momento non vorremmo non averla a disposizione!



TORCIA


Che sia frontale o di quelle da tenere in mano poco importa, bisogna sempre avere una fonte di luce affidabile da utilizzare all’occorrenza. Non è una buona idea avventurarsi in un cammino nella natura senza una torcia.


Nessun problema, ho il mio smartphone sempre con me!

Ecco, è proprio questo il problema: l’immancabile smartphone, come purtroppo ben saprai, tende ad esaurire la carica proprio nel momento in cui servirebbe di più; a prescindere dal modello del tuo telefono è possibile che sia già scarico in serata, cioè proprio quando potresti avere effettivamente necessità di una fonte di luce!

Bada solo a mantenere le batterie della tua torcia in buono stato, dopodiché potrai dimenticare di averla messa nello zaino fino al momento in cui ti servirà.



"L'indispensabile per sopravvivere"

Ora che abbiamo imparato le basi per preparare uno zaino da trekking non ci resta che passare alla pratica: riempirlo! Ma come fare per scegliere lo zaino perfetto per i tuoi cammini, senza esagerare con le dimensioni e senza rischiare di tornare a casa con spalle e schiena doloranti?

Ce ne occuperemo nel prossimo articolo, per il momento tieni bene a mente l’elenco dell’equipaggiamento da portare con te durante un’escursione.


70 visualizzazioni

Notizie

Iscriviti alla newsletter

(circa 2 mail al mese)

Contatti

viamaestratrekking@gmail.com

(+39) 340 547 71 89

(+39) 393 059 69 02

Seguici

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
Via Maestra a.s.d. via rio di Luco 189 Reggello, FI 50066

© 2019 by Francesco Lezzi.